Elezioni USA: la politica torna a dettare l'agenda ai mercati

Otto anni dopo l'inizio della crisi finanziaria l'attività economica sta di nuovo crescendo, ma all'orizzonte c'è una nuova Brexit: le elezioni USA. Ecco cosa pensano i gestori
24/10/2016 | Massimo Morici

Otto anni dopo l’inizio della crisi finanziaria e a cinque anni di distanza dalla crisi del debito dell’Eurozona, l’attività economica sta di nuovo crescendo sia in Europa (comeunque sotto l’1%) sia negli Stati Uniti d’America (3%) ma all’orizzonte stia arrivare un temporale: il rischio politico. Pur essendo tradizionalmente associato ai mercati emergenti, con la crisi finanziaria globale questo tipo di rischio è diventato sempre più frequente anche nei mercati sviluppati che hanno impiegato del tempo per riprendersi. Motivo? “Nel contesto attuale di crescita debole, la fiducia nella stabilità delle istituzioni è più essenziale che mai per eventuali investitori. Dobbiamo sperare che le elezioni in arrivo negli Stati Uniti e in UE non alterino il trend attuale, che è positivo ma fragile” sottolinea Olivier Arpin, economist di Union Bancaire Privée. Il rischio di scosse di assestamento a seguito di eventi politici nei mercati sviluppati non è quindi da sottovalutare, visto che in genere l'incertezza politica è in grado di ridurre le prospettive di crescita di un’economia: gli investimenti delle imprese rallentano e i consumatori posticipano l’acquisto di beni costosi.

Un termometro per misurare i rischi legati agli eventi ciclici che generalmente caratterizzano i mercati sviluppati, come le elezioni, è quello utilizzato da Stephanie Kelly, economista politico di Standard Life Investments. Ha isolato tre fattori da monitorare con attenzione: populismo (maggiore propensione verso partiti e politiche contro l’establishment); frammentazione (il cambiamento dei sistemi politici, come il passaggio dal bipartitismo a un sistema pluralista, come avvenuto in Spagna); polarizzazione (un irrigidimento delle divisioni ideologiche tra partiti ed elettorati, come accaduto negli USA).

L’appuntamento elettorale più vicino è quello negli USA. Storicamente le elezioni presidenziali hanno avuto un impatto limitato sui mercati finanziari ed è quanto avverrebbe nel caso in cui vincesse Hillary Clinton, stando alla maggior parte dei gestori. Diverso, invece, l’impatto nel caso dello scenario più avverso ai mercati: la vittoria di un candidato fuori dagli schemi, il repubblicano Donald Trump. Nel caso vincesse, secondo il Research & Investment Strategy di AXA Investment Managers nel breve termine, considerano la sua politica economica che prevede stimoli fiscali più consistenti, assisteremmo a una crescita del PIL più robusta e quindi a una stretta monetaria più decisa da parte della Federal Reserve, un dollaro più forte e rendimenti dei Treasury decennali più alti.

Ma se Donald Trump concretizzasse tutte le sue proposte, lo scenario nel 2018-2019 sarebbe più negativo: cambierebbero infatti la politica economica negli Stati Uniti, con una Federal Reserve maggiormente basata sulle regole e una politica commerciale più protezionista. Questo approccio potrebbe provocare ritorsioni in alcune regioni del mondo, soprattutto in Cina, facendo deragliare la ripresa globale. Nonostante i sondaggi diano in vantaggio la Clinton, non è escluso un finale a sorpresa, come nel caso del referendum sull’uscita del Regno Unito dalla Ue a fine giugno (Brexit).

“Il crollo dei redditi della classe media americana, ininterrotto dal lontano 1989, gioca a favore dell’outsider Donald Trump, rispetto a un politico main stream come Hillary Clinton: per questo Trump ha ancora ottime possibilità di divenire a gennaio il 45° presidente degli Stati Uniti” sottolinea Yves Longchamp, head of Research di ETHENEA Independent Investors. L'esperto si sofferma sul cambiamento della distribuzione della ricchezza negli USA, sempre meno equa: la cosiddetta forbice tra poveri e ricchi continua ad allargarsi e "quasi necessariamente ne consegue il rafforzamento delle alternative populiste ai partiti consolidati, i quali sono responsabili della crescente disparità, decisamente indesiderata dal punto di vista sociopolitico" aggiunge Longchamp.

"La retorica isolazionista di Donald Trump è negativa per le multinazionali americane. Se la globalizzazione invertirà il suo percorso, ad essere penalizzate saranno le società che producono all’estero e vendono negli USA; è il caso soprattutto delle società dei settori tech e industriale” aggiunge Cormac Weldon, gestore azionario di Artemis Investment Management, che ha delle riserve anche sull’eventuale vittoria della Clinton. “In caso di una sua vittoria - conclude - l’impatto non sarà negativo come quello atteso nel caso di una vittoria di Trump. Tuttavia Hillary è una politica relativamente centrista e la competizione con Bernie Sanders l’ha spinta verso posizioni più di sinistra soprattutto sulla sanità e sulle riforme del settore finanziario, due settori che molto probabilmente subiranno un impatto negativo nel caso di una sua vittoria”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.