AcomeA SGR, l'importanza della sostenibilità nelle PMI

La SGR ha presentato il secondo rapporto sulla rendicontazione ESG da parte delle PMI italiane quotate al mercato AIM di Borsa Italiana
21/05/2021 | Lorenza Roma

AcomeA SGR e Sustainable Value Investors (SVI) presentano il secondo rapporto sulla rendicontazione ESG da parte delle PMI italiane quotate al mercato AIM di Borsa Italiana. Il rapporto, illustrato oggi alla comunità finanziaria in occasione del tavolo virtuale sull’impatto delle variabili ESG sui profitti e sul valore delle imprese, ha analizzato 149 aziende quotate al 20 aprile 2021 sul segmento AIM e si concentra, in particolare, sullo stato di comunicazione, performance e integrazione dei parametri ESG delle società dell’AIM di Borsa Italiana, allo scopo di favorire il dialogo tra le aziende e gli investitori.

 

Nella ricerca presentata dalla curatrice Daniela Carosio, senior partner di SVI, alla presenza di Matteo Serio, managing partner di AcomeA SGR, Marco Ruspi, head of ESG di AcomeA SGR, Luca Tavano, head of product development Mid&Small Cap-Primary Markets di Borsa Italiana, Francesco Mele, Cfo & head of Central Functions di Illimity, Fabio Ortolani, vice presidente del fondo pensione Eurofer, si evidenzia che, anche se in termini di divulgazione della sostenibilità le società AIM sono ancora allo stato embrionale, il dialogo con gli investitori è centrale per migliorare l’orientamento alla sostenibilità e il livello di rendicontazione qualitativo e quantitativo delle informazioni non finanziarie, liberando di fatto un potenziale di sviluppo delle PMI.

 

Da rapporto emerge che sono 79 su 149 le società che non pubblicano alcun tipo di rendicontazione, in netta diminuzione rispetto al 2020 (84 su 129). Le società che rilasciano informazioni ESG qualitative con orientamento PR sono aumentate, rispetto al 2020, del 54% (da 24 a 37) e quelle con orientamento Charity del 20% (da 10 a 12); sono aumentate del 91% le società AIM con orientamento avanzato alla sostenibilità in termini di ESG Risk Management e di ESG Strategico (da 11 a 21). L’indagine sulle cause della scarsa propensione alla rendicontazione delle PMI, rivela che l’orientamento alla sostenibilità non dipende tanto da fattori strutturali, come la quantità di risorse finanziarie, energie e tempo, quanto da una diversa esposizione al controllo da parte di terzi, per esempio gli investitori istituzionali.

 

Marco Ruspi, head of ESG di AcomeA SGR ha commentato: “Attraverso un costante ingaggio con imprenditori e manager delle società in cui investe il fondo AcomeA PMItalia ESG, per noi è fondamentale supportare le PMI italiane nell’implementazione/miglioramento dei criteri di impatto sostenibile, per migliorare così la visibilità di queste aziende nei confronti del mercato finanziario. Come emerso dalla ricerca presentata insieme al nostro partner SVI, il potenziale strategico delle aziende dell’Aim è enorme e ancora inespresso, considerando che solo la metà di queste ha già adottato delle strategie “responsabili”. Questo percorso è oggi ineluttabile, un’opportunità per investitori e aziende che non può più essere ignorata.” Daniela Carosio, senior partner di SVI, ha aggiunto: "Questo secondo Report, aggiornato ad aprile 2021, conferma ancora la presenza di una scarsa attenzione all’informativa sulla sostenibilità da parte delle PMI quotate al segmento AIM, seppur molto migliorata rispetto alla rilevazione precedente. Ci aspettiamo che il dialogo con gli investitori possa contribuire molto a migliorare la rendicontazione ESG. Infatti, da un lato gli investitori possono spingere per una rendicontazione di qualità, dall’altro possono premiare quelle aziende che investono in maniera coerente in modelli di business sostenibili. Tale Report comparato ci consentirà, tra l’altro, di mappare nel tempo l’impatto dell’engagement di AcomeA. In qualità di ESG Advisor di AcomeA SGR, infatti, SVI supporta il fondo AcomeA PMItalia nelle attività di Analisi ESG ed Engagement.”

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.