WisdomTree Investments si rafforza in Italia

Con la nomina di Massimo Siano e Antonio Sidoti in qualità di co-head of southern Europe distribution
13/09/2018 | Greta Bisello

A seguito dell’acquisizione del core business europeo di ETF Securities, WisdomTree Investments, rafforza la propria struttura commerciale in Italia, nominando Massimo Siano e Antonio Sidoti Co-Head of Southern Europe Distribution.

 

Massimo Siano vanta un’esperienza più che decennale maturata in ETF Securities, realtà di cui ha gestito lo sbarco e il successivo consolidamento in Italia, posizionandola quale leader nel settore degli ETC ed ETN, collettivamente “exchange-traded products” (ETP) nel mercato italiano. 

Antonio Sidoti è entrato a far parte di WisdomTree nel 2013, con il ruolo di Director of Italian Sales, e ha contribuito all’affermazione della forte expertise di WisdomTree sia nel campo delle strategie smart beta applicata a strumenti quotati e nella creazione di indici proprietari, sia nel campo degli ETP short e leverage e relativi approcci di utilizzo. Emanuela Salvade, sales associate, completa il team Southern Europe di WisdomTree.

 

Siano e Sidoti contribuiranno a consolidare il presidio italiano di WisdomTree che, grazie all’acquisizione di ETF Securities, ha visto i suoi AuM aumentare a circa $59 miliardi a livello globale. L'operazione ha reso WisdomTree il nono più grande provider di ETP a livello internazionale e il primo emittente di ETP indipendente su scala globale sulla base del patrimonio gestito, con dimensioni e presenza significative negli Stati Uniti e in Europa, i due maggiori mercati in questo settore.

 

David Abner, head of WisdomTree Europe, ha dichiarato:Gli investitori italiani mostrano da sempre grande interesse per esposizioni innovative alle diverse asset class, e lo spirito pioneristico è esattamente ciò che accomuna WisdomTree e di ETF Securities. La recente acquisizione aggiunge redditività, diversificazione e dimensione al nostro business in Europa. Inoltre, ci consente di presidiare ancora più da vicino un mercato per noi strategico come quello italiano e di relazionarci con un più ampio spettro di investitori, in particolar modo quelli interessati alle materie prime e ai principali mercati azionari europei”.

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.