Come risposta alla crisi finanziaria del 2008, la Commissione Europea ha deciso di rivedere la direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID I), entrata in vigore nel 2007.

 

La direttiva in questione è la MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) del 2004/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio emanata il 21 Aprile del 2004. Questa direttiva costituisce un passo importante verso il miglioramento del mercato finanziario all'interno dell'Unione Europea. La direttiva è stata la risposta all'esigenza di creare in campo finanziario un terreno competitivo omogeneo tra tutti gli intermediari finanziari presenti nell'Unione europea, senza pregiudicare la protezione degli investitori. Gli obiettivi della direttiva MiFID sono i seguenti: l'integrità dei mercati; la tutela degli investitori; il rafforzamento dei meccanismi concorrenziali; il miglioramento dell’organizzazione delle imprese di investimento e una gestione più efficiente dei conflitti di interesse; l'efficienza dei mercati.

 

La Direttiva MiFID impone alle imprese di investimento di fare una classificazione della propria clientela in modo da modulare gli obblighi informativi e le tutele da garantire. Tre sono le categorie di clienti riconosciute dalla direttiva: Cliente professionale (soggetti autorizzati a svolgere servizi di investimento, Governi nazionali e locali, banche, enti pubblici, le istituzioni internazionali oppure clienti al dettaglio che si sono sottoposti a valutazione da parte dell'impresa di investimento); Cliente al dettaglio; Controparte qualificata (imprese di investimento, enti creditizi e assicurativi, Governi nazionali, fondi pensione, Banche centrali e istituzioni internazionali).

Rendicontazione, Consob conferma i nuovi obblighi

La Commissione non fa sconti e con una nuova raccomandazione impone tempi più rapidi per la consegna dei documenti ai clienti, bocciando ...
11/05/2020 | Francesco D'Arco

Rendiconti MiFID, rendiamo evidente il costo del CF

Anasf auspica che la trasparenza delle informazioni ai risparmiatori sia maggiormente analitica riguardo i costi riconducibili alla compo...
18/03/2020 | Francesco D'Arco

CF, MiFID e quel cambiamento che nessuno vuole

I regolatori hanno cambiato le regole spinti dal desiderio di aumentare la trasparenza; l’industria si è adeguata; i detrattori negano. M...
19/10/2019 | Francesco D'Arco

Fee & Fondi, l'Italia "ignora" la MiFID II

Secondo una ricerca di Morningstar il mercato nostrano è quello che non ha registrato particolari cambiamenti nelle commissioni tra il 20...
18/09/2019 | Francesco D'Arco

Risparmio gestito, i 9 mesi che hanno "inceppato" l'industria

Persi 9 miliardi di euro. Nonostante l'andamento positivo dei mercati azionari. Quali sono le cause di questa frenata? È davvero tutta co...
27/07/2019 | Francesco D'Arco

Sempre meno consulenza finanziaria con la MiFID II

La direttiva europea inizia a far sentire i suoi effetti. E al momento non sono quelli sperati dal regolatore. Secondo una ricerca, ad og...
19/06/2019 | Redazione Advisor

MiFID II: reti pronte all'invio dell'informativa ex post

Quelle riferite al 2018 arriveranno tra maggio e i primi di luglio. Ecco le interviste al top management di Fideuram, Mediolanum, Banca G...
04/04/2019 | Massimo Morici

MiFID II: Credem pronta all'invio dei rendiconti

Durante un incontro per la presentazione delle cinque linee guida del wealth management del gruppo il top management assicura che arriver...
19/03/2019 | Massimo Morici

Appello alla SEC per una MiFID II "Made in USA"

A chiederlo sono i grandi gruppi del risparmio gestito che preferirebbero veder replicata la direttiva europea anche in America. Anche pe...
04/03/2019 | Francesco D'Arco

ESMA boccia i Robo Advisor e impone nuovi obblighi sull'adeguatezza

Gli ultimi orientamenti ESMA sottolineano, tra le altre cose, l'importanza di colmare le lacune della consulenza automatizzata con l'inte...
01/12/2018 | Francesco D'Arco