Societe Generale emette 21 nuovi cash collect su azioni e indici

La banca punta forte sui cash collect ampliando la proprio gamma di Investment Certificate proponendo su EuroTLX ventuno nuovi certificati.
23/04/2020 | Redazione Advisor

Societe Generale punta forte sui cash collect ampliando la proprio gamma di Investment Certificate proponendo su EuroTLX ventuno nuovi certificati.

 

In particolare, i nuovi Cash Collect, che hanno una durata massima di due anni, comprendono 14 nuove posizioni su azioni italiane ed europee: Eni, Enel, Azimut, FCA, Unicredit, Banco BPM, Intesa Sanpaolo, Renault, Vallourec, BNP Paribas e Repsol. I restanti 7 prendono posizioni su indici azionari: FTSE MIB, Euro STOXX® Banks, Euro STOXX® Oil & Gas, Euro STOXX® Automobiles & Parts, DAX e CAC 40.

 

I Cash Collect Certificate, come noto, sono strumenti che offrono premi periodici nel caso in cui, nelle date di osservazione, il valore del sottostante è maggiore o uguale alla barriera. Inoltre, se nelle date di valutazione, il valore del sottostante è maggiore o uguale del livello iniziale, il Certificate rimborsa il valore nominale e paga il premio. In questo caso i certificati prevedono la possibilità di ottenere premi trimestrali condizionati lordi con effetto memoria dall’1,25% al 5,10% a seconda del certificato (corrispondente a un potenziale rendimento annuo lordo dal 5% al 20,40%) e la possibilità di liquidazione anticipata su base trimestrale (a partire dalla seconda data di osservazione, ovvero a partire dal 5 ottobre 2020) e la protezione condizionata del valore nominale a scadenza.

 

Prendiamo in particolare il certificate su Enel (ISIN XS2112716472) per capirne il funzionamento. Questo certificate paga un premio trimestrale lordo del 2,5% (10% su base annua), ad ogni data di valutazione intermedia in cui il valore del sottostante è maggiore o uguale al livello barriera (4,8552€). Inoltre, nel caso in cui in una delle date di valutazione trimestrali, a partire da ottobre 2020, Enel quoti ad un valore uguale o superiore al valore iniziale (6,0690€), il certificate scade anticipatamente e, oltre al pagamento del premio, rimborsa anche il valore nominale.

 

Ma perché potrebbe essere interessante assumere una posizione su Enel? Sappiamo che il tema dell’energy potrebbe essere sotto pressione, però il colosso energetico sostiene la neutralità climatica dell’UE entro il 2050 e l’incremento degli obiettivi al 2030. Un’iniziativa che si pone in scia dei 17 obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite. La Commissione europea ha infatti recentemente chiuso una prima fase di consultazione pubblica per ridurre le emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 (fra il 50 e il 55% rispetto ai livelli del 1990 e del 40% rispetto agli attuali) e l’appoggio di Enel non si è fatto attendere e ha mostrato apprezzamento per la proposta. Inoltre, la società ha chiuso il 2019 con un Ebitda in crescita del 10,5%, grazie alle attività distributive nell’America Latina e alle vendite retail in Brasile. Tutti elementi che possono confermare una view positiva sul titolo.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.