Fondi delegati: in Europa crescita a 3,2 trilioni entro il 2030

Il report del gruppo Allfunds, presentato in occasione dell'Annual Media Event di Mediolanum International Funds, mostra come nell'ultimo anno il canale distributivo del wealth management sia cresciuto del 15%, quello di asset management del 10%
01/07/2022 | Redazione Advisor

I fondi di sub-advisory sono destinati a crescere del 10,4% tra il 2022 e il 2030 a 3,2 trilioni di euro in tutta Europa secondo i dati pubblicati da instiHub, da aprile parte del Gruppo Allfunds (AMS:ALLFG), come emerge nel loro ultimo rapporto intitolato The Open Architecture Model Delivering Superior Outcomes.

Il report, pubblicato in occasione dell'Annual Media Event di Mediolanum International Funds, svoltosi a Dublino il 27 e 28 giugno, include risultati sui principali trend, la recente crescita e una prospettiva sui potenziali sviluppi che continueranno a plasmare lo spazio dei fondi delegati.

I principali risultati, tendenze e temi all'interno del rapporto includono: AUM degli asset delegati 
- Entro la fine del Q1 2022, InstiHub ha registrato oltre 2 trilioni di euro di asset delegati a gestori terzi che rappresentano il 15% di tutti gli asset dei fondi europei utilizzati nella distribuzione ad architettura aperta. Crescita degli asset delegati
– Le attività delegate hanno registrato un aumento annuo del 21,2% fino al 2021, il 4% in più rispetto al settore dell'asset management in generale, che ha registrato un aumento del 17% della crescita degli asset.

Fund of Funds Vs Sub Advisory
- 738 miliardi di euro di attività in veicoli di investimento collettivo sono stati delegati al Fund of Fund structures entro il Q1 2022, in confronto, il patrimonio del fondo di sub advisory ha raggiunto 1,27 trilioni, il 72% in più rispetto alle controparti del fondo di fondi.

Previsione
- instiHub prevede un tasso di crescita annualizzato per le attività dei Fondi sub-advisory del 10,4% tra il 2022 e il 2030 a 3,2 trilioni di euro in tutta l'area EMEA.

Canali di distribuzione
– Nell'ultimo anno (fino a marzo), il canale distributivo del wealth management è cresciuto del 15%, il canale di asset management è cresciuto del 10% e il canale di distribuzione bancario è cresciuto del 6%, aiutato in particolare da Mediolanum e ABN AMRO che hanno aumentato il proprio patrimonio.

Top 5 Sub Advisors di AUM
- BlackRock, Schroder Investments, UBS Asset Management, Amundi Asset Management e State Street Global Advisors (SSGA).

Top 5 sponsor del settore
- St. James's Place, Mercer Global Investments, Aviva Life, BlackRock Investment Management (UK) e Mediolanum.

Il rapporto rivela anche la percentuale di attività gestite passivamente all'interno delle strutture del Fondo di fondo che si attesta al 35%, questo è significativamente più grande dei fondi sub-advisory che si attestano al 13%, suggerendo che la sub consulenza è la scelta preferita per la gestione attiva. Una delle ragioni principali di ciò, che viene discussa in dettaglio nella relazione, è la necessità all'interno del Fondo di fondi di limitare i costi. La necessità di investimenti passivi per controllare i costi è in gran parte mitigata all'interno delle relazioni di sub-consulenza a causa delle grandi attività e delle dimensioni dei mandati che sono in gioco, i fornitori di fondi sub-advisory sono formidabili price maker, lasciando i gestori di terze parti che scelgono di lavorare con gli acquirenti di fondi sub-consigliati come price taker.

Andreas Pfunder, ceo di instiHub ha spiegato che "le relazioni di sub-advisory sono accordi 'win-win' sia per i gestori degli investimenti che per i sub-advisor, motivo per cui il mercato della sub-consulenza in EMEA è cresciuto da 702 miliardi di euro di asset under management (AUM) nel 2016 a circa 1,3 trilioni di euro di AUM alla fine del 2021. Ciò continuerà a crescere, principalmente a causa della maggiore attenzione alla compressione delle commissioni e della necessità per gli sponsor di esternalizzare strategie di investimento specifiche a specialisti. Il Regno Unito ne è un chiaro esempio, in cui il mercato dei sub-advisory è cresciuto del 134% dal 2016. Un'ulteriore tendenza è la sostituzione delle partecipazioni di terze parti con fondi sub-advisory, in quanto gli sponsor preferiscono utilizzare fondi sub-advisory interni per motivi commerciali e di controllo, tra cui la pressione per abbassare le commissioni per gli investitori finali, essere in grado di cambiare più facilmente i gestori sottostanti e personalizzare o differenziare le loro offerte di fondi. Il risultato di ciò è che i gestori di fondi che non collaborano con sponsor di fondi sub-advisory rischiano di perdere affari a favore di gestori che sono disposti a farlo”.

Furio Pietribiasi (in foto), ceo di MIFL ha sottolineato che "la qualità delle prestazioni è fondamentale per sopravvivere nel mercato competitivo di oggi. La retention e la longevity del denaro dei produttori sono al primo posto per tutti i gestori patrimoniali che devono affrontare i costi di distribuzione. Un modello di sub-advisory è estremamente vantaggioso per investitori, distributori e sub-consulenti. Gli investitori possono accedere all'architettura aperta a un prezzo più competitivo, i distributori hanno piena trasparenza dei portafogli sub-advisory e hanno il pieno controllo, essendo in grado di implementare qualsiasi cambiamento del gestore all'interno del fondo senza alcun impatto sugli investitori e infine i sub-consulenti ottengono una longevità molto migliore con mandati invece di distribuire funds".

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.